Pausa, Stop, Play, Pausa

E se alla fine la soluzione migliore fosse quella di prendermi un break? Sedermi comodo comodo sulla mia poltrona rosso di Marte, accendermi un ottimo sigaro cubano e gustarmi un doppio bourbon

In compagnia del camino che scoppiettante di sano calore, mi invita ad un estraniante rifugio dalla vita di tutti i giorni

Io, i miei sogni, le mie galassie sempre nuove da visitare, dove vivono esseri che a questo punto ne sono certo, altro non sono che il parto della mia fervida fantasia

Io e il grande spirito Manitou, colui che dal fato ha avuto origine, o forse è il contrario, ma davvero poco importa, O forse importa per davvero! Ah che bel dilemma!

Dovete sapere che Manitou in persona mi è venuto a cercare, vuole insistemente i miei talenti (quindi ho dei talenti! Questa si che è una notizia), grazie Manitou per fortuna che ci sei tu!

Lui è il fato sono la stessa entità, la stessa emozione, uno non può esistere senza l’altro, un po’ come lo yin-yang della dualità umana, ma sono abbastanza sicuro che tutta questa faccenda mi è alquanto difficile da capire

È come quando cerchi la risposta a tutte le domande della vita, che ti fai di quelle pippe mentali che ti serve un universo intero per contenerle tutte, ed alla fine sei costretto ad inventarti un universo tutto tuo, il tuo universo personale, con le tue leggi, le tue stelle, i tuoi pianeti, e tutti i cazzi e mazzi annessi, chiaro il concetto no?

Ah beati voi che avete compreso il concetto di tutto, del tutto, si insomma quella roba li della teoria del tutto

Come diceva?

Ah si, che tutto è in espansione, in perenne movimento, e che noi siamo un puntino piccolo piccolo, quasi insignificante, ma poi si scopre che siamo il pezzo mancante del puzzle

Ma che siamo un po’ sfigati, perché basta la scorreggia di una farfalla su Andromeda per far esplodere tutto il nostro mondo

E allora io mi chiedo e poi dico ad alta voce:

“Ma che fregatura è mai questa? Non c’è il benché minimo rispetto per noi umani, eh insomma dopotutto non siamo così male, siamo persino riusciti ad andare sulla luna! E poi ci siamo così evoluti al punto che riusciamo a toccarci il naso con la lingua!

Ma chi voglio prendere in giro! Ci meritiamo la puzzetta della farfalla che ci estingue tutti!”

Pausa, Stop, Play, Pausa, Stop

Si è meglio che mi fermo qua, io, il camino, la mia poltrona, il sigaro, il doppio bourbon e quel pizzico di sana pazzia che vive dentro di me, e quando si rilassa se ne esce con di quelle perle che te le raccomando proprio

Ma d’altronde un po’ è colpa di questo mondo, no non è una scusa, è la verità, almeno lo è per me, IO QUESTO MONDO LO TOLLERO A GRAN FATICA, UN POSTO DOVE I MEDIOCRI E MAGARI FIGLI DI PAPÀ SONO QUASI TUTTO NEI POSTI CHE CONTANO, MENTRE CHI HA IL TALENTO NECESSARIO PER POTER MIGLIORARE LA VITA DI TUTTI VIENE RELEGATO IN SECONDA O TERZA FILA

In fondo in fondo sto aspettando la farfalla e la sua scorreggia, e mentre attendo che giunga quel momento, me ne rimango qui a godermi quel che rimane del mio tempo.

Manitou aspettami che sto arrivando!

Freddi inverni ghiacciati, lasciano tracce di indimenticabili aurore al calar della sera.

Freddi sono i sospiri emessi da un uomo alla ricerca di un rifugio dove sostare per la notte, Una taverna nel bel mezzo del nulla offre al viandante un posto dove riposare, tra muri di pietra e comode poltrone, e un camino scoppiettante che accudisce l’umano viaggiatore.

È ora di cenare, accomodarsi vicino alla finestra, spostare la sedia e mettersi comodo, aspettare pazientemente l’arrivo della cameriera, Ma prima di tutto arriva l’olfatto che anticipa il piatto, e decreta l’assoluta bontà della pietanza che sta per fare capolino dalla cucina, È una calda e succulenta zuppa al sapore di cipolla, con verdure e pezzi di manzo, il viandante è soddisfatto, e ricambia il sorriso della graziosa cameriera.

A quel punto il viandante prende saldamente in mano il cucchiaio, affonda senza esitazione il primo colpo, un sussulto che arriva dallo stomaco decreta l’inizio delle ostilità.

Inutile dire che la zuppa è squisita, goduriosa ed appagante, ogni cucchiaiata è una sinfonia di gioia, mista ad eccitazione, stomaco , pancia, e parenti stretti sono letteralmente in festa, Ma il viandante sa che una porzione di zuppa non potrà bastare, Chiama la cameriera e la mette al corrente del fatto che sarà necessario un altro giro di zuppa, Lei annuisce e con passo affrettato si precipita in cucina, per uscirne qualche istante più tardi con un vassoio, con sopra la ciotola più grande che il viandante abbia mai visto!

E come un bambino al luna park il viandante si fionda sulla zuppa, e giù di cucchiaiate come se non ci fosse un domani!

Solo più tardi seduto sulla poltrona vicino al camino, mentre si gode la sua pipa in compagnia di un ottimo bourbon d’annata, ora che è al sicuro nella taverna, gli torna in mente del suo compagno di viaggio, un uomo che aveva incontrato lungo il suo tragitto, e che per un po’ aveva condiviso con il viandante un pezzo di quel viaggio, E di quel gigantesco animale che sbucato fuori dal nulla lo ha afferrato e smembrato con un unico colpo, e di come sia stato fortunato a non farsi catturare anche lui…. Dell’assennata corsa nel buio della foresta in cerca di un uscita, dell’aurora apparsa quasi a segnare il suo cammino, ed infine di quella luce che per sua fortuna è stata la sua salvezza.

Seduto all’interno di una taverna il viandante ringrazia la buona sorte che gli ha risparmiato la vita, Alla fine esausto si lascia andare ad un pianto liberatorio che sa di rinascita.